Il Nazionale

Politica | 01 dicembre 2022, 11:25

Metropolitana gratis a Genova entro la fine del 2023, l'annuncio di Marco Bucci

Il sindaco è tornato a parlare anche della tassazione delle auto in centro: "Pagare per entrare nel centro delle città con un’auto inquinante è la strada scelta da tutte le grandi città d’Europa, non c’è ragione perché non lo si possa fare a Genova”

Metropolitana gratis a Genova entro la fine del 2023, l'annuncio di Marco Bucci

Metropolitana gratis a Genova entro la fine del 2023. Lo ha annunciato ieri il sindaco Marco Bucci durante un convegno organizzato dal Gruppo Ge, al quale ha partecipato anche il consulente del governo ed ex ministro alla transizione ecologica Roberto Cingolani. Durante l'incontro il sindaco ha parlato delle tempistiche sulla gratuità della metro, già oggi applicata in alcune fasce orarie.

Come riporta Primocanale, Bucci durante l'incontro ha dichiarato che: “Nel giro di due o tre anni tutto il sistema del trasporto pubblico genovese sarà gratuito - ma abbiamo intenzione di estendere l’attuale gratuità della metropolitana, al momento limitata ad alcune ore al giorno, entro il prossimo anno, non abbiamo ancora stabilito la data esatta, diciamo entro il 2023”.

Quando saranno operativi i nuovi assi di forza – ha aggiunto il sindaco - estenderemo la gratuità a quelli, mentre resteranno per un certo periodo a pagamento i restanti tratti di collegamento con le vallate”.

Per finanziare il progetto Bucci ha riproposto l'idea di tassare le auto inquinanti che transitano in centro storico: “Introdurremo, sulle date e il perimetro esatto stiamo ancora lavorando, una congestion charge per le auto che emettono Co2 nell’ambiente: chi ha un’auto elettrica o ibrida potrà entrare gratuitamente, chi inquina paga e con quel gettito finanzieremo il trasporto pubblico. Pagare per entrare nel centro delle città con un’auto inquinante è la strada scelta da tutte le grandi città d’Europa, non c’è ragione perché non lo si possa fare a Genova”. 

Il sindaco ha infine spiegato quale sarà il futuro della metropolitana che dal 2024sarà estesa da Voltri a Nervi, potendo utilizzare anche la sede ferroviaria liberata dai lavori al nodo di Genova, dal 2025 si potrà fare altrettanto in Val Polcevera; parliamo di treni che avranno frequenze di 15 minuti, un grande passo in avanti per la mobilità urbana. Poi ci sarà lo Skymetro fino a Prato, in Val Bisagno. I genovesi dovranno entrare nella mentalità delle rotture di carico, cioè delle coincidenze che devono entrare nella nostra quotidianità: si prenderà un mezzo che viaggia sui quattro assi e poi un altro mezzo verso le vallate. E’ un meccanismo che andrà appreso ed entrerà nella quotidianità di tutti i genovesi”.

Redazione

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: