Il Nazionale

Sport | 29 maggio 2022, 11:24

Atletica, Coppa Europa 10.000 metri: Anna Arnaudo e Pietro Riva sugli scudi in Francia

La 21enne cuneese finisce in settima posizione, timbrando lo standard per gli Europei di Monaco di Baviera. Migliore prestazione italiana under 23 dopo 33 anni. Pietro Riva quinto

Atletica, Coppa Europa 10.000 metri: Anna Arnaudo e Pietro Riva sugli scudi in Francia

Progressi per gli azzurri nella Coppa Europa dei 10.000 metri. Sulla pista di Pacé, in Francia, esulta Anna Arnaudo che corre in 32:09.54 per firmare la migliore prestazione italiana under 23 superandola di quasi mezzo minuto dopo 33 anni. Un record sfiorato nella scorsa stagione, conquistando l’argento agli Europei di categoria in 32:40.43 a Tallinn, e stavolta la piemontese riesce a impadronirsi del primato stabilito da Allison Rabour con 32:38.96 (il 29 agosto del 1989 a Duisburg, in Germania).

La 21enne cuneese finisce in settima posizione, timbrando lo standard per gli Europei di Monaco di Baviera (fissato a 32:20.00), ma alle sue spalle c’è un netto miglioramento anche di Giovanna Epis con il dodicesimo posto in 32:34.01 che cancella il personale di 32:59.16 realizzato tre anni fa dalla maratoneta veneziana. Nella serie B, terza la vicentina Rebecca Lonedo che riscrive il suo primato con 33:15.86 togliendo una dozzina di secondi al proprio limite, in una giornata decisamente ventosa. Cresce anche la matricola piemontese Giovanna Selva, undicesima in 33:47.41, e perciò tutte e quattro le azzurre al traguardo siglano il personale, ritirata invece dopo sette chilometri Gaia Colli. Nella classifica a squadre, Italia quarta al femminile. A vincere è la turca Yasemin Can, ex campionessa europea, con 31:20.18 davanti alle tedesche Alina Reh (31:39.86) e Katharina Steinruck (32:03.88). Per la prima volta il titolo va quindi alla Germania davanti a Turchia e Gran Bretagna.

Arriva dalla gara maschile il miglior piazzamento individuale della trasferta azzurra, con il brillante quinto posto di Pietro Riva in 28:01.07. Notevole il passo avanti del 25enne campione italiano in carica sulla distanza, che abbatte il 28:25.86 dell’anno scorso e coglie lo standard per la rassegna continentale di Monaco (28:15.00). L’altro piemontese Italo Quazzola è diciannovesimo in 28:28.04, non lontano dal suo recente primato. Nella serie B maschile è Pasquale Selvarolo a tagliare il traguardo per primo in 28:30.35, con il record personale migliorato di oltre venti secondi all’esordio in Nazionale assoluta. A sette giri dal termine, il 22enne pugliese si porta al comando e poi stacca gli avversari, per chiudere a braccia alzate davanti al turco Sezgin Atac (28:37.38). Finisce ottavo l’altro debuttante brianzolo Luca Alfieri (29:36.15) mentre non completa la gara il ventenne romano Francesco Guerra. La formazione italiana è quinta, nella gara dominata da Jimmy Gressier (27:24.51) che trascina la Francia padrona di casa all’oro anche a squadre, staccando lo spagnolo Carlos Mayo (27:53.12) e il turco Aras Kaya (27:58.08). Sul podio anche Spagna e Germania, quarto il team di Israele.

fidal

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: