Il Nazionale

Eventi e Turismo | 14 maggio 2022, 19:40

Eurovision-mania: allegria e bandiere per la finale al Palaolimpico, pienone (e ressa) al Valentino

Mentre in piazza d'Armi aprono i cancelli, all'Eurovillage i cancelli si chiudono per numero massimo di accessi raggiunto. Fiumi di persone anche in centro e in San Salvario. Ma stasera tutti davanti alla tv. O al maxischermo. Ecco il programma

Eurovision-mania: allegria e bandiere per la finale al Palaolimpico, pienone (e ressa) al Valentino

Che Torino ci abbia preso gusto ormai è evidente anche ai più scettici. L'Eurovision è stato tutto fuorché un evento di nicchia chiuso dentro un Palazzetto lontano dal centro. Al contrario, non c'è torinese che non si sia imbattuto, questa settimana, in un concerto improvvisato, in una folla danzante, in un flash mob in piazza. O perlomeno non esiste nessuno che non lo abbia sentito raccontare da un amico o un conoscente.

Stasera ecco così arrivare l'ultimo atto: la finale, al Palaolimpico per i circa diecimila che sono riusciti ad accaparrarsi un biglietto, all'Eurovillage del Valentino per chi ha deciso di goderselo sul maxischermo insieme agli amici. E gli altri? A casa, sul divano, grazie alla diretta su RaiUno. Passeggiando per il centro oggi pomeriggio, però, sembra che la maggior parte abbia scelto la seconda ipotesi: il Valentino è stato infatti preso d'assalto dai fans. Sia per godersi gli ultimi artisti a esibirsi, fino a stasera alle 20, sia per passare la serata lì, davanti al maxischermo. E se corso Marconi sembrava come le Ramblas spagnole per il numero di persone presenti, la ressa in viale Virgilio - che fa accedere all'Eurovillage - ricordava quella che si formava davanti alle discoteche più rinomate in epoca pre-Covid. Tanto che alle 19 le porte di accesso sono state chiuse ed è stato chiesto alle persone in coda di non accalcarsi. Presto comunque dovrebbero riaprire fino a esaurire i posti disponibili.

Intanto in piazza d'Armi da stamattina sfilano gli spettatori dell'evento: prima quelli del pre show [LEGGI QUI], ora quelli che si godranno proprio la finale. Ed è un tripudio di bandiere, colori, costumi e gadget. Una festa, in un momento dove un messaggio di pace e inclusione ha una potenza - e un'importanza - che non si può ignorare.

E la finale? Tutti pronti questa sera a tifare Italia, rappresentata da "Brividi" di Mahmood e Blanco. Oltre ai cantanti in gara, ci saranno due ospiti speciali: i Maneskin, che hanno vinto l'ultima edizione, e Gigliola Cinquetti, la prima italiana a vincere l'Eurovision, nel 1964 (con "Non ho l'età"). Due dei tre giudici si prenderanno poi la scena per cantare: Laura Pausini con "Io Canto", versione francese, Mika con un medley dei suoi successi.

Questo, invece, l'ordine di esibizione delle nazioni:

Repubblica Ceca (We Are Domi - Lights Off).
Romania (WRS - Llámame),
Portogallo (MARO - Saudade, Saudade),
Finlandia (The Rasmus - Jezebel),
Svizzera Marius Bear - Boys Do Cry),
Francia (Alvan & Ahez - Fulenn),
Norvegia (Subwoolfer - Give That Wolf A Banana),
Armenia (Rosa Linn - Snap),
Italia (Mahmood e Blanco - Brividi),
Spagna (Chanel - SloMo),
Olanda (S10 - De Diepte),
Ucraina (Kalush Orchestra - Stefania),
Germania (Malik Harris - Rockstars),
Lituania (Monika Liu - Sentimentai),
Azerbaijan (Nadir Rustamli - Fade To Black),
Belgio (Jérémie Makiese - Miss You),
Grecia (Amanda Georgiadi Tenfjord - Die Together),
Islanda (Systur - MeÐ Hækkandi Sól),
Moldavia (Zdob şi Zdub & Advahov Brothers - Trenulețul),
Svezia (Cornelia Jakobs - Hold Me Closer),
Australia (Sheldon Riley - Not The Same),
Regno Unito (Sam Ryder - SPACE MAN),
Polonia (Ochman - River),
Serbia (Konstrakta - In Corpore Sano),
Estonia (Stefan - Hope).

Daniele Angi

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: