Politica | 20 settembre 2021, 11:50

Savona, Fratoianni (Sinistra Italiana) non le manda a dire a Salvini: “Berlinguer e Pertini andrebbero lasciati stare da chi non ne rappresenta alcun valore”

Quest’oggi in visita a Savona a sostegno del candidato Marco Russo e per la raccolta firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sulla patrimoniale

Savona, Fratoianni (Sinistra Italiana) non le manda a dire a Salvini: “Berlinguer e Pertini andrebbero lasciati stare da chi non ne rappresenta alcun valore”

Berlinguer andrebbe lasciato stare tanto più da chi non ne rappresenta alcun valore ma da chi contraddice in ogni sua parola, in ogni suo comportamento tutto ciò che Berlinguer ha rappresentato per milioni di cittadini di questo paese”.

Queste le parole di Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana in visita quest’oggi a Savona in sostegno del candidato sindaco Marco Russo che ha voluto rispondere alla citazione di venerdì scorso del segretario della Lega Matteo Salvini che ha citato lo storico segretario generale del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer nel suo discorso.

Il leader del Carroccio inoltre aveva anche detto che “Piazza Pertini non è solo della sinistra”: “Pertini è stato il più amato Presidente della Repubblica della nostra storia, era un antifascista, un Presidente che non ha mai dimenticato quanto i diritti civili e sociali camminino insieme a braccetto, Salvini di tutto questo parla con difficoltà, sarebbe meglio non lo facesse” ha continuato Fratoianni.

Al centro poi il sostegno a Russo (nel pomeriggio l’incontro alla Sms Serenella alle Fornaci) e alla coalizione, al cui interno in Sinistra per Savona è presente anche Sinistra Italiana con la candidata Maria Gabriella Branca membro della segreteria nazionale e non sono mancate ulteriori stoccate alla Lega e a Salvini.

La sua è una proposta utile per migliorare la qualità della vita, il futuro di questa città. L’imbroglione per eccellenza è venuto a raccontare la solita storia che il problema è la sicurezza, i migranti, ma forse nessuno gli ha detto che l’assessore alla sicurezza è il loro e se la affronti in quel modo non risolvi il problema. Servono politiche per il lavoro, la casa, che incentivino il commercio di prossimità che ricostruiscano servizi, densità sociale, il contrario degli slogan urlati della Lega e della destra che non hanno un progetto, un futuro per le città, per il paese, serve un’alternativa, quella di questa coalizione”.

In piazza Sisto questa mattina e in via Paleocapa nel pomeriggio sarà presente nei gazebo di Sinistra Italiana per la raccolta firme per la loro proposta di legge di iniziativa popolare sulla patrimoniale.

Ci vuole una riforma del fisco giusta che redistribuisca la ricchezza, è cresciuta in questi anni ma è stata divisa in modo terribilmente ineguale, la grande maggioranza dei cittadini fatica ad arrivare a fine mese, serve fare una cosa semplice per nulla rivoluzionaria, cioè chiedere che ha grandi ricchezze dia qualcosa per alleggerire il peso fiscale e per mettere risorse nella ricostruzione dei servizi, dei diritti universali, in particolare per le nuove generazioni di questo Paese” conclude il segretario nazionale di Sinistra Italiana.

Ti potrebbero interessare anche: