Eventi e Turismo | 14 settembre 2020, 17:00

Artifices instables, Histoires de céramiques è la nuova mostra del Museo Nazionale di Monaco

Visitabile sino al 31 gennaio a Villa Sauber a Monaco

Artifices instables, Histoires de céramiques è la nuova mostra del Museo Nazionale di Monaco

Dal 18 settembre 2020 al 31 gennaio 2021, la mostra Artifices instables, Histoires de céramiques sarà visitabile a Villa Sauber a Monaco: un viaggio di invenzioni e sperimentazioni, osservando la diversità non solo di forme e decorazioni, ma anche dei processi di lavorazione del ceramica. Le sue diverse fasi di produzione - la selezione e la preparazione del materiale argilloso, la sagomatura, la finitura, la decorazione, la cottura e la smaltatura - rientrano quindi in “ricette” e preparazioni quasi alchemiche che variano da un creatore / inventore. all'altro.

Cristiano Raimondi, curatore di questa mostra, ha scelto di trattare la ceramica come una materialità eterogenea e instabile che racconta storie trasversali. Attraverso una selezione di oltre 120 pezzi di artisti internazionali, ha disegnato una scenografia a metà tra bottega e magazzino delle curiosità, ideata con l'aiuto di due designer, lo svizzero Adrien Rovero per i tavoli su cui verranno presentati alcune delle opere e il cipriota Michael Anastassiades per le sue String Lights prodotte da Flos.

Nel 1874, la fabbrica di ceramiche artistiche di Monaco, alla maniera del movimento Arts & Crafts, tirò fuori dai suoi pezzi decorazioni floreali e animali molto colorate mentre congelava nella terra i prodotti di punta della terra come il limone e l'uva spesso rappresentato in una paglia intrecciata smaltata. In questo stesso periodo, nello stato americano del Mississippi, George Ohr, “il matto ceramista di Biloxi” produce per quasi trent'anni pezzi “magici”, “vasi astratti di smalto” destrutturati, sperimentando moltitudini di forme e colori. processo di produzione e assemblaggio. Oggi è riconosciuto come un pioniere dell'arte moderna americana.

Il secondo periodo della Ceramica di Monaco (1907-1914) sarà rappresentato dalle opere surreali "ante litteram" del ceramista francese Eugène Baudin che si stabilì nella regione nel 1906. Sempre in connessione con il Principato, il monegasco Albert Diato è un artista multidisciplinare. Ha scoperto la lavorazione dell'argilla nell'officina Madoura a Vallauris e ha contribuito alla rivoluzione estetica della ceramica negli anni 50. La presentazione di assemblaggi ceramici da parte dello spagnolo Pablo Picasso negli stessi laboratori aprirà nuove prospettive. nei campi della creazione occidentale contemporanea offrendo così altre storie di artifici instabili.

L'italiana Chiara Camoni e il siro-libanese Simone Fattal danno vita a creature mitologiche e archetipiche. Scuotendo i codici, la venezuelana Magdalena Suarez Frimkess ha saputo rinnovare la ceramica americana conferendole una funzione di rivendicazione socio-politica.

L'americano Ron Nagle, allievo di Peter Voulkos, sfugge alle convenzioni del suo tempo con i suoi pezzi ispirati ai paesaggi e ai dettagli architettonici della città di San Francisco, alla cultura giapponese (ikebana e cerimonia del tè), e al opera di Giorgio Morandi.

Il termine sperimentazione assume il suo pieno significato con il giovane artista Brian Rochefort. Sotto l'apparente pasticcio magmatico dei suoi pezzi si nasconde una vera e propria prodezza tecnica dove l'artista ibrida smalto e argilla, rompe meticolosamente e ricompone eruzioni di texture. Della stessa generazione, il britannico Aaron Angell propone sotto forma di "assemblaggi" "modelli" che lui stesso definisce psichedelici proseguendo continuamente la sua ricerca sul gres e sugli smalti che lui stesso crea.

Infine, Johan Creten è un osservatore sovversivo che trascrive nell'argilla l'arte della metamorfosi. Il potere totemico delle sue opere è rafforzato dai titoli, spesso molto evocativi.

Tutte queste storie hanno in comune la riconsiderazione di ciò che Victor Segalen chiamava "la sensazione del diverso", che alla fine non solo coinvolse il rapporto con l'Altro, ma anche la messa in discussione dell'idea stessa di 'Artificialità. Questa ricerca plastica, premurosa o rischiosa, e queste trasmutazioni instabili, conferiscono sempre un valore simbolico alla terra. Un mezzo malleabile, raggiungerà uno stato inalterabile solo dopo lo sparo. Essendo diventata una ceramica, conserverà sempre, attraverso le sue metamorfosi e le invenzioni che le hanno fatto i suoi creatori, il ricordo della sua artificiosità e delle sue alterazioni cromatiche.

"La ceramica non è una futilità", dichiarò Paul Gauguin, il quale, avendo intrapreso il grande incendio intorno al 1887, profetizzò che un giorno gli sarebbe stato attribuito il merito di aver elevato questa pratica al livello dell'arte. Liberato così dalle classificazioni, continuò la sua emancipazione nel secolo successivo. Tuttavia, non ha mai smesso di mettere in discussione la propria genesi, mettendo in discussione il rapporto tra l'oggetto d'arte e la merce e indagando sempre più il campo di una metafisica specifica del mezzo.

 

Villa Sauber
17 avenue Princesse Grace, Monaco

Ouvert tous les jours de 10h à 18h à partir du 18 septembre 2020.

Accès
Bus Lignes 5 et 6 arrêt Grimaldi Forum - Villa Sauber
Bus Ligne 1 et 4 direction Saint Roman, arrêt Place des Moulins, accès par ascenseurs publics
Parking des Moulins, Place des Moulins, accès par ascenseurs publics
Parking Grimaldi Forum, avenue Princesse Grace

rg

Ti potrebbero interessare anche: