Politica | 30 settembre 2021, 16:10

Per Savona un Assessorato all'Estetica? Una proposta indipendente che lancia il nome della cantautrice Francesca Battiato

"È l’antidoto, il vaccino, contro il virus dell’ignoranza che è terreno di coltura della bruttura e delle barbarie"

Per Savona un Assessorato all'Estetica? Una proposta indipendente che lancia il nome della cantautrice Francesca Battiato

Istituire un Assessorato all'Estetica a partire dai Comuni dove il voto è ormai imminente, il 3 e 4 ottobre. E' l'insolita e originale proposta lanciata dallo scrittore Federico Scarioni, che è stata presentata in una conferenza stampa milanese, dove si è illustrato questo progetto che intende essere "innovativo e dalle ampie vedute, slegato dagli schieramenti politici" e rivolto ai candidati sindaci in corsa per le amministrative. 

I promotori dell'iniziativa spiegano: "Sul piano istituzionale l’Assessorato all’Estetica è un ruolo amministrativo che va ad aggiungersi alla giunta comunale e che si pone come punto di unione tra gli assessorati all’urbanistica, edilizia privata e cultura". A firmare il "manifesto" sono stati Giuseppe Abbati, artista; Alberto Clementi, architetto; Giorgio Attila Bertarelli, amministratore locale; Francesco Oppi, artista e direttore del Guado; Emanuele Torreggiani, giornalista e docente. 

E dalle riflessioni è emersa anche una proposta per Savona: è stata nominata - a sua insaputa - la cantautrice Francesca Battiato, "personaggio attivo, sensibile e sempre aperto a nuove iniziative intellettuali, scelta per essersi contraddistinta come figura femminile di spicco in ambito artistico e per il suo impegno culturale sul territorio, anche  per questo meritevole di candidatura".

Aggiungono ancora i sostenitori dell'idea: "L’Assessorato all’Estetica nasce solo su nomina del sindaco, non ha compenso e ha una durata inferiore al mandato amministrativo della giunta insediata, completamente indipendente da qualsiasi schieramento politico. È l’antidoto, il vaccino, contro il virus dell’ignoranza che è terreno di coltura della bruttura e delle barbarie che ammorbano il nostro Paese corrotto da scelte spesso in completa asincronia con il pensiero, la cultura e la storia d’Italia. Ora il futuro è da reinventare senza perdere altro tempo, con meraviglia, in una rivoluzione estetica nel rispetto dell’uomo, dell’ambiente, del clima, della giustizia sociale". 

Oltre a Francesca Battiato per Savona, fra gli altri, sono stati "nominati": Manuel Agnelli per Cassinetta di Lugagnano; Red Ronnie per San Giovanni in Persiceto; Cristian “Bugo” Bugatti per Novara; Marco “Morgan” Castoldi per Arcore; Vasco Rossi per Zocca; Alessandro Gassman per Fiano Romano; Giulio Rapetti (Mogol) per Moniga del Garda; Omar Pedrini per Castel Mella;  Patty Pravo per Fossò; Vittorio Sgarbi per Roma e primo Ministro dell'Estetica.  

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: