Politica | 13 luglio 2020, 11:52

Bordighera: progetto per la piazza della stazione, Lorenzi “Alla Giunta domande senza risposta”

Intervento del consigliere comunale di Civicamente Bordighera

Bordighera: progetto per la piazza della stazione, Lorenzi “Alla Giunta domande senza risposta”

Il consigliere comunale di Civicamente Bordighera, Mara Lorenzi, interviene in merito ad alcune domande poste alla Giunta sul progetto per la piazza della stazione.

L'intervento di Mara Lorenzi (Civicamente Bordighera)
Piazza Eroi della Libertà a Bordighera, che è anche la piazza della Stazione Ferroviaria, è il paradigma di un centro città che non si rinnova da molti decenni ed è diventato ostaggio delle automobili (dove non è viabilità è parcheggio) in un crescendo di traffico e rumore. Il progetto della precedente amministrazione prevedeva di riqualificare la Piazza trasformandola in ZTL per restituire spazio alle persone per incontrarsi e intrattenersi, in comunicazione con la città e con il mare. 
Ma, come noto, l’amministrazione Ingenito aveva cancellato prontamente il progetto già finanziato, e decretato che venisse mantenuto il parcheggio; in aperta controtendenza rispetto al movimento che dovunque, incluse le vicine Sanremo e Ventimiglia, recupera spazi pubblici per migliorare l’immagine e la vivibilità della città. Fu previsto per la Piazza solo un intervento di manutenzione straordinaria, inizialmente con una spesa di 150.000 € che arriva oggi a più di 390.000 €.  
Poiché non c’è stata manutenzione seria della Piazza da almeno 20 o 30 anni, era naturale aspettarsi che un intervento così a lungo rimandato, dispendioso, e che durerà per mesi creando disagio per il traffico e le attività commerciali, fosse stato concepito anche con la prospettiva di evitare per un certo numero di anni nuovi lavori di riparazione e sistemazione. 
Dai documenti a cui abbiamo avuto accesso sembra però che il progetto voluto dalla Giunta Ingenito e approvato nella sua versione esecutiva il 12/2/2020, non includa interventi di rifacimento dei sottoservizi, in particolare delle reti delle acque bianche e acque nere che costituiscono la base di una seria manutenzione. Altri dubbi e aspetti da chiarire, sempre sulla base dei documenti disponibili, riguardano le modifiche apportate alla viabilità con la nuova disposizione dei parcheggi.
Per questa ragione, dato che l’Amministrazione non ha mostrato l’intenzione di presentare pubblicamente il progetto, come sarebbe normale dato l’interesse pubblico dell’opera che è stata approvata in giunta senza neppure un confronto con le minoranze, abbiamo chiesto il 29 Giugno un incontro tecnico con gli Uffici, ma non ci è ancora stata data disponibilità. O meglio, ci è stato risposto che tale incontro andrà organizzato in presenza degli amministratori in data da destinarsi.     
L’Amministrazione impiega denari dei cittadini ed è tenuta ad usarli secondo i principi di tutela dell’interesse pubblico, economicità, efficacia, ed efficienza. L’annullamento del precedente progetto di riqualificazione a ZTL ha già comportato per la Città un costo di immagine e funzione difficile da quantificare, ma sicuramente uno spreco concreto di tempo e risorse, visto il costo già pagato di circa 30.000 Euro per la progettazione che non è stata utilizzata. Sembra un atto dovuto ora chiedere verifica che l’ulteriore e sostanzioso investimento sulla Piazza garantisca appieno almeno la funzionalità di parcheggio a cui e’ stata condannata, e che la affranchi da bisogni di manutenzione dei sottoservizi – datati e sottodimensionati -- in modo duraturo. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: