Il Nazionale

Politica | 04 dicembre 2022, 07:55

Lega, è il giorno del congresso provinciale. I militanti scelgono il nuovo segretario

Si parte alle 9.30: il partito va a congresso (a porte chiuse) a Busto dopo sette anni. A fine mattina il nome del segretario. Si annuncia un testa a testa tra Andrea Cassani e Giuseppe Longhin

Lega, è il giorno del congresso provinciale. I militanti scelgono il nuovo segretario

È il giorno del nuovo segretario della Lega. Alle 9.30, al teatro Sociale di Busto Arsizio, si apre il congresso provinciale del partito.

I militanti del Varesotto sono chiamati a scegliere tra Andrea Cassani e Giuseppe Longhin il successore del commissario Stefano Gualandris, che dopo 18 mesi lascia il timone del movimento.

Prima convocazione alle 7.30, ma si tratta di una formalità procedurale. I lavori partiranno un paio d’ore più tardi, a porte chiuse. Poco dopo si potrà iniziare a votare. Prenderanno la parola il commissario uscente e i due sfidanti, oltre ai militanti che hanno chiesto di intervenire. A fine mattinata la Lega avrà il suo nuovo segretario.

Grande attesa

C’è grande attesa intorno all’appuntamento di questa mattina. Un po’ perché la Lega attente un congresso provinciale dal 2015, ossia da quando venne confermato alla guida del partito Matteo Bianchi, allora sindaco di Morazzone.

Un po’ perché, considerando il grande valore simbolico di Varese, a maggior ragione in un momento non dei più semplici per la Lega, il voto odierno ha attirato l’attenzione anche della stampa nazionale. Il Foglio, in particolare, mettendo a confronto i due candidati ha parlato di duello tra la Lega di Salvini e la Lega delle origini.

La prima farebbe riferimento al sindaco di Gallarate Cassani, la seconda a Longhin, referente in provincia di Varese del Comitato Nord bossiano. Entrambi i candidati, però, respingono una lettura semplicistica che – in poche parole – associa il congresso di oggi a un referendum su Salvini (leggi qui).
In ogni caso, stando ai pronostici, dovrebbe trattarsi di una sfida molto equilibrata.

Tutte le strade portano a Busto

Per la prima volta il congresso provinciale si tiene a Busto Arsizio (la sezione locale, tra l'altro, ha festeggiato venerdì i 35 anni) . È l’apice di un periodo che ha visto la città protagonista di momenti importanti per il partito. Qui, a fine agosto, si è tenuta la riunione con i referenti delle sezioni di tutta la provincia, alla presenza dei candidati alle elezioni politiche del mese successivo, in vista proprio dell’appuntamento elettorale.

Qualche giorno più tardi, Salvini avrebbe dovuto aprire a Busto la campagna elettorale, ma l’evento era sfumato a causa di un ritardo dell’aereo in partenza da Lampedusa.

E sempre nella storica sede del Carroccio di Busto, in via Culin, si è presentato ai militanti del Varesotto il Comitato Nord, il progetto promosso da Umberto Bossi, con i coordinatori Paolo Grimoldi e Angelo Ciocca, oltre al referente per la provincia di Varese Longhin.

Intanto il Comitato…

E a proposito di Comitato Nord, il congresso di questa mattina è stato anticipato ieri dal primo incontro pubblico della realtà fondata da Bossi.

A Giovenzano, nel Pavese, c’era anche il Senatur che, davanti a un migliaio di persone (compreso qualche varesino) ha rimarcato: «Se cancelli l’identità, muori. Abbiamo dato vita al Comitato Nord per rinnovare la Lega, non per distruggerla».

Vedremo se, come avvenuto a Bergamo con Fabrizio Sala, anche a Varese si imporrà un aderente al progetto bossiano o se avrà la meglio il candidato che viene accostato a Salvini per via del buon rapporto che li unisce.

Riccardo Canetta

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: