Il Nazionale

Eventi e Turismo | 23 giugno 2022, 18:11

Cinema sotto le stelle: parte la rassegna di sei film in parchi, vie e piazze di Saluzzo

Mercoledì 29 giugno, il primo appuntamento con il film "Il capo perfetto". Ingresso libero. Tutti i mercoledì sera fino ad agosto

Cinema sotto le stelle: parte la rassegna di sei film in parchi, vie e piazze  di Saluzzo

Con sei date, da giugno ad agosto, tornano gli appuntamenti del mercoledì con il cinema all’aperto sotto le stelle, in vari luoghi della città, in parchi, piazze e strade. Una programmazione che rientra nel calendario di Saluzzo Estate fatta di film per bambini e adulti. L’ingresso è gratuito.

Si inizia mercoledì 29 giugno alle  21.30  nei giardini di via Pignari con il film "Il Capo Perfetto" commedia del 2021, del regista Fernando León de Aranoa, con  lo straordinario Javier Bardem e Almudena Amor. 

Secondo appuntamento, mercoledì 6 luglio sempre alle  21.30, presso il Borgo Maria Ausiliatrice, dove il film in programma  è “Sing 2”.

La rassegna continua mercoledì 13 luglio in frazione Cervignasco  con la pellicola “I Croods 2” mentre mercoledì 20 luglio  sempre alle 21.30  sarà a Castellar con il film La signora delle rose.

Mercoledì 27 luglio alle  21.30 in via Della Croce  si proietterà "The father, nulla e’ come sembra"  e la conclusione della rassegna sarà mercoledì 3 agosto alle 21.30 nel parco Tapparelli con "Il silenzio grande".

Primo appuntamento - Il Capo Perfetto

A capo della ditta c'è il proprietario, Blanco (Javier Bardem), noto per essere un dirigente comprensivo, buono e carismatico. Quando viene a sapere che nella sua impresa è prossimo l'arrivo di una commissione d'ispezione, che sta facendo visita a tutte le aziende del posto per scegliere chi si aggiudicherà una premiazione di eccellenza, Blanco inizia a controllare che tutto nella fabbrica sia al posto giusto. In breve tempo deve preparare il suo gruppo di operai alla visita e risolvere eventuali problemi.

Ad aumentare maggiormente le sue ansie e le sue preoccupazioni arriva un operaio licenziato, che si presenta in azienda insieme ai due figli per chiedere di essere di nuovo assunto. Non vedendo la sua richiesta assolta, l'ex dipendente inizia a calunniare e diffamare Blanco.

Il punto centrale del discorso di de Aranoa, che è anche sceneggiatore, non è tanto il lavoro quanto la responsabilità: la gestione della vita altrui da parte di un uomo che si identifica totalmente con la propria azienda. La crisi è un'eventualità ma è lontana (all'inizio si vede un licenziamento durante le celebrazioni dello stabilmento, ma per Blanco è un semplice esubero, una cosa legale...); la produzione serrata e la qualità dei prodotti immessi sul mercato sono un obbligo; la serenità aziendale è una necessità.

Giusto perché le cose siano chiare, la Blanco Básculas, la società di gestione familiare del protagonista, produce bilance (básculas in spagnolo) e il giusto equilibrio è proprio ciò che ogni imprenditore deve trovare: equilibrio fra padrone e dipendenti, fra tempo e lavoro, vita privata e azienda, benessere e grattacapi, interessi personali e collettivi, bene personale e bene di tutti. Questo è il compito del capo perfetto, insomma. O forse no.

vilma brignone

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: