Sport | 22 ottobre 2021, 13:28

Alla vigilia di Soelden, 'super Marta' ci riprova: “Pista meno dura di due anni fa”

Da qui partì un anno fa con la vittoria sulla discesa austriaca una stagione da incorniciare. E intanto la prossima portabandiera azzurra alle olimpiadi di Pechini 2022 Sofia Goggia: “Marta è l’atleta da battere in questa disciplina”

Alla vigilia di Soelden, 'super Marta' ci riprova: “Pista meno dura di due anni fa”

Manca poco alla prima discesa della coppa del mondo 2021-2022 che vedrà coinvolta la ‘nostra’ super Marta Bassino.

Come sempre ad aprire la competizione sarà il Gigante di Soelden (Austria) sul ghiacciato del Rettenbach, pista complicata e insidiosa che l’anno scorso incoronò Marta Bassino. L’atleta borgarina classe ’96 salì sul gradino più alto del podio a cornice di una stagione che l’ha vista protagonista.

 “Domani c’è la gara – ha dichiarato Marta Bassino alla vigilia della gara attraverso una nota Fisi -oggi abbiamo fatto la sciata in pista, molto bella e non ghiacciata. Poi si vedranno domani le condizioni. Secondo me è meno dura di altri anni, però la sciata in pista lascia un po’ il tempo che trova, sembra una neve facile da attaccare e da sciare dalla prima all’ultima porta. Ci sarà un po’ di pubblico, verrà anche la mia famiglia ed è bello che si riparta così”.

Con lei pronte a partire anche le compagne azzurre Federica Brignone e Sofia Goggia, quest’ultima nominata dal Coni come porta bandiera azzurra nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali di Pechino nel 2022.

“Sono soddisfatta del lavoro fatto in gigante – ha affermato dopo la sciata di prova Sofia Goggia - potendo osservare Marta Bassino, che penso sia ancora l’atleta da battere in questa disciplina, sono cresciuta molto e ho fatto passi da gigante. Ognuno fa la propria gara cercando di dare il meglio, sono molto contenta che parta la stagione”.

“Può andare bene oppure no domani – spiega Federica Brignone in una nota Fisi - ma so di aver lavorato bene. Ho avuto anche giorni difficili, ad esempio in Senales, ma sono quelli che fanno crescere. Sono qui perché ho degli obiettivi e cerco di raggiungerli”.

Ti potrebbero interessare anche: