Cronaca | 15 settembre 2021, 11:16

Cancellazione classe e rientri pomeridiani, a Stella per protesta i bimbi entrano 15 minuti dopo

Una sezione della scuola dell'infanzia è stata cancellata con un conseguente accorpamento. Una mamma: "In tempo di Covid non è concepibile, è assurdo"

Cancellazione classe e rientri pomeridiani, a Stella per protesta i bimbi entrano 15 minuti dopo

"Abbiamo aderito in tanti per questi disservizi che ci sono stati, facendo seguito alle passate lamentele che non hanno trovato risposte".

A dirlo è Cristina Bolla, mamma di Stella, che questa mattina insieme ad altri genitori ha ritardato di un quarto d'ora l'ingresso del suo bimbo per il primo giorno di scuola in segno di protesta contro la cancellazione di una sezione della scuola dell'infanzia (di tre classi ne sono rimaste due), il conseguente accorpamento e la cancellazione dei pomeriggi aggiuntivi a causa dell'assenza del personale.

"Abbiamo saputo che la preside aveva ricevuto dal Ministero 200mila euro di fondi Covid e di questi ne ha spesi 20mila, i restanti sono stati mandati indietro, che sarebbero serviti a coprire i costi del personale aggiuntivo, fondamentale per risolvere la problematica" ha continuato. Lo scorso agosto i genitori avevano avuto una riunione con la dirigente scolastica e il sindaco in merito ai rientri pomeridiani, ma la risposta è stata negativa.

"Non abbiamo ricevuto una risposta neanche sugli orari che sono stati comunque accorciati - ha proseguito il genitore - hanno anche accorpato i bambini in altre classi che in tempo di Covid non è concepibile. Senza parole, è assurdo".

Ti potrebbero interessare anche: