Politica | 11 giugno 2021, 10:12

Cuneo: affissione dei manifesti elettorali e sopralluogo alle Basse di Sant'Anna per Giancarlo Boselli

Boselli ufficializza la propria campagna elettorale ed effettua un report fotografico tramite la propria pagina Facebook: "Serve una regolamentazione del parcheggio verso il ponte, con installazione di dissuasori o la creazione di un'isola pedonale nell’ultimo tratto"

Cuneo: affissione dei manifesti elettorali e sopralluogo alle Basse di Sant'Anna per Giancarlo Boselli

Sono apparsi anche, in diversi punti della città di Cuneo, i manifesti elettorali con protagonista Giancarlo Boselli: una candidatura in vista delle elezioni del prossimo più che confermata, quindi.

Negli ultimi giorni Boselli ha poi effettuato un sopralluogo alle Basse di Sant'Anna di Cuneo, un report fotografico effettuato tramite la pagina Facebook ufficiale del candidato, che riprende alcune delle questioni più importanti che riguardano l'area, per lo scrivente da troppo tempo sospese: la scaletta che collega all’altipiano ha bisogno di più manutenzione, così come il verde che ormai inghiotte i pali dell’illuminazione, in un luogo dove la luce e la visibilità significano sicurezza. La chiesa di Sant’Anna attende da un anno di essere sistemata perché una colonna pericolante ne impedisce l’accesso e lo svolgimento delle funzioni e lo spiazzo liberato dalla vecchia struttura cantonale della Provincia va sistemato, ormai da oltre un anno. Lo specchio segnaletico all'incrocio è da sostituire e la segnaletica orizzontale sull'unico dosso appare stinta.

"Grazie al Presidente Rossi, al Comitato di Quartiere e agli abitanti che mi hanno accompagnato nella visita. Il quartiere sta crescendo con nuovi insediamenti. E’ meta, nei fine settimane, di molte persone che amano il parco il verde e si ritrovano per i pranzi e cene all’aperto. La via principale che attraversa l’abitato e porta al ponte Vassallo necessita di una maggiore regolamentazione, altri dossi per moderare la velocità delle auto, dove pure ci sarebbe una "zona 30" non rispettata. Serve poi una regolamentazione del parcheggio verso il ponte, con installazione di dissuasori o la creazione di un'isola pedonale nell’ultimo tratto, almeno nel fine settimana" si legge nel post.

"Richieste semplici da soddisfare ma che l’amministrazione, che non fa stanziamenti adeguati nelle manutenzioni, non riesce a realizzare. I fondi per le periferie ci sono ma vengono utilizzati in modo scorretto: un atteggiamento di supponenza e di non ascolto di cui gli abitanti sono stanchi. Anche qui la presenza dei migranti senza occupazione e abbandonati a se stessi crea problemi di relazione con gli abitanti e si ripropone quindi la necessità di un progetto che dia lavoro e occupazione per un’integrazione efficace nel tessuto della città. Serve allo stesso tempo maggiore controllo e vigilanza da parte delle forze di polizia in una stagione che vedrà l’arrivo di altre persone alla ricerca di lavoro nel settore agricolo".

redazione

Ti potrebbero interessare anche: