Sport | 30 luglio 2020, 11:58

Milano-Sanremo, la proposta dei comuni dell'entroterra genovese: "Percorso classico fino a Celle e poi si sale nell'entroterra"

La lettera è stata inviata ad Rcs Sport dai comuni delle Valli Stura, Orba e Leira. Una proposta difficilmente praticabile visto il senso unico alternato in località Brasi e i problemi stradali a Stella San Giovanni

Milano-Sanremo, la proposta dei comuni dell'entroterra genovese: "Percorso classico fino a Celle e poi si sale nell'entroterra"

Una lettera di dissenso inviata a Rcs Sport e alla Prefettura di Genova dalle Amministrazioni comunali delle Valli Stura, Orba e Leira, cioè i comuni di Campo Ligure, Rossiglione, Masone, Mele e Tiglieto verso la decisione di tagliare fuori i loro territori dalla Milano-Sanremo con la proposta di una soluzione alternativa.

Questo il tema al centro della missiva dei comuni dell'entroterra genovese delusi per essere stati bypassati dopo il fronte del no dei comuni della costa savonese che si sono opposti al passaggio della Classicissima sabato 8 agosto.

Da lì la decisione dell'organizzazione di puntare su un percorso alternativo che ha estromesso così il savonese e una parte dei comuni genovesi.

"Facendo seguito alla comunicazione in oggetto, si informa che la decisione assunta da RCS Sport di modifica del percorso della 111a Milano – Sanremo, che estromette radicalmente il passaggio dal territorio delle Valli Stura, Orba e Leira e dallo storico transito del Passo del Turchino, non è condivisa dagli scriventi Comuni di Campo Ligure, Rossiglione, Masone, Mele e Tiglieto appartenenti all'Unione dei Comuni SOL (Stura, Orba e Leira). Riteniamo questa decisione una grande sconfitta in particolare per le motivazioni di seguito riportate: il metodo con cui si è arrivati alla modifica del percorso non è stato minimamente condiviso con i nostri Comuni. Le decisioni sul percorso avrebbero dovuto essere prese ai giusti livelli, evidentemente senza scaricare le responsabilità sui Sindaci" spiegano i sindaci Ferrando, Leoncini, Oliveri, Piccardo e Piccardo.

"Dopo mesi di emergenza legata alla viabilità sia autostradale che statale, il passaggio della Milano – Sanremo avrebbe potuto certamente rappresentare una delle rare occasioni di visibilità e rilancio durante questa sfortunata stagione estiva. La Milano – Sanremo per i nostri territori non rappresenta soltanto un importante avvenimento sotto il profilo sportivo e promozionale. Questa corsa per noi rappresenta un valore storico a cui ci è veramente difficile rinunciare e che non vorremmo assolutamente perdere in futuro, a prescindere da quale sarà il percorso del 2020" continuano.

"Nessuno di noi Sindaci vuole ovviamente esporre i propri Cittadini a rischi legati al Covid-19, ma crediamo che, trattandosi di avvenimento all'aperto con passaggi nei territori comunali molto limitati nel tempo, si potessero prendere tutte le necessarie precauzioni nel rispetto delle attuali norme. Esattamente come si sta facendo nei vari Comuni per le manifestazioni estive già organizzate o programmate. Detto ciò e soprattutto nella speranza di poter essere ascoltati, la nostra proposta è di mantenere il percorso storico della gara ciclistica almeno sino al Comune di Celle Ligure. Da lì in poi è possibile salire verso l'entroterra bypassando buona parte dei Comuni del Savonese che si sono legittimamente manifestati contrari al percorso" concludono i primi cittadini effettuando la loro proposta.

Una proposta che troverebbe difficile attuazione in quanto l'entroterra cellese ha al momento difficili problemi legati alle alluvioni del novembre scorso, a cominciare dal crollo della strada in località Brasi sulla Sp22 nel quale al momento vige un senso unico alternato e proseguendo verso Stella le criticità sono molteplici soprattutto sul territorio di Stella San Martino proseguendo poi in direzione Pontinvrea. In caso di ipotetico passaggio da Gameragna invece ne farebbero da padrone invece le buche stradali.

Rcs Sport inoltre ha già deciso di modificare il percorso e i ciclisti affronteranno un tracciato inedito che muoverà da Milano e il Km 0 è fissato sulla Nuova Vigevanese nel comune di Trezzano sul Naviglio, per proseguire verso la Lomellina, Alessandria, il Monferrato e le Langhe prima di affrontare la salita di Colle Nava a 70 chilometri dal traguardo di Sanremo. A Imperia si rientrerà nel percorso classico per affrontare la Cipressa da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche: