Il Nazionale

Politica | 26 maggio 2023, 07:12

"Realizziamo una casa della poesia": a Torino versi ed emozioni per stimolare l'aggregazione sociale

La proposta è quella di realizzare una struttura pubblica, aperta ai cittadini, all'interno di una biblioteca

"Realizziamo una casa della poesia": a Torino versi ed emozioni per stimolare l'aggregazione sociale

Realizzare a Torino la prima casa della poesia, per utilizzare i versi, le emozioni e le rime per stimolare l'aggregazione sociale.

La 5°commissione del Comune di Torino ha deciso di portare avanti una mozione del 2003 intitolata "Realizziamo una casa pubblica della poesia a Torino". Il progetto è stato presentato dalla prima firmataria Angela Succo: "Insieme a me ci sono altri docenti dell'Università degli Studi di Torino. L'obiettivo è quello di realizzare internamente a una biblioteca una casa della poesia: un luogo in cui tutti possono accedere essendo aperto al pubblico, slegato da interessi economici, dove l'esercizio della poesia sia totalmente gratuito, contando di invitare poeti di valore nazionale e internazionale".

Tra i firmatari è presente L'associazione periferia letteraria. "L'idea della nostra associazione è quella di condividere la cultura sul territorio uscendo dalla concezione negativa che viene data al termine 'periferia'. Il progetto vuole dare al pubblico e ai poeti un luogo unico in cui parlare di contemporaneità e di società attraverso dialogo, ascolto e confronto, dando alla poesia la possibilità di essere uno strumento di accrescimento sociale" ha spiegato il presidente.

La vice sindaca Michela Favaro ha accolto con favore la mozione: "E' un tema che può attivare interesse per i cittadini: è in corso una profonda rivisitazione delle biblioteche torinesi, ma anche di nuove e diverse attività culturali. L'intento è di sviluppare il progetto nelle aree bibliotecarie al fine di darne un ulteriore valore".

Marco D'Agostino

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: