Il Nazionale

Eventi e Turismo | 21 settembre 2022, 08:00

Riparte la stagione OSA nel Locarnese: primo appuntamento per domenica 25 settembre

Tanti eventi musicali e teatrali anche per ragazzi in sette Comuni

Riparte la stagione OSA nel Locarnese: primo appuntamento per domenica 25 settembre

Domenica 25 settembre riparte la stagione OSA! con i suoi eventi di musica, teatro e teatro ragazzi.

Questo autunno si snoda in 7 Comuni del Locarnese, coinvolgendo 10 luoghi tra sale teatrali, locali, piazze e chiese. Novità di quest’anno gli appuntamenti toccheranno anche alcuni luoghi e associazioni delle valli, come Mergoscia e Coglio.

Da sempre Osa! presta attenzione alla scoperta di nuovi luoghi per fare teatro e musica e ad intrecciare pubblici diversi. Tessere relazioni con associazioni del territorio, contribuendo a vitalizzare la scena culturale locale, con proposte nazionali e internazionali di qualità, è tra gli scopi dell’associazione composta da artisti attivi nel teatro e nella musica. Grazie al contributo dei Comuni, la maggior parte degli appuntamenti sono ad offerta libera, per invitare le persone a tornare ad una piena ripresa della vita culturale.

Si tinge d’autunno, la nostra gioia di condividere col pubblico gli artisti che ci hanno toccato, a causa della difficile situazione finanziaria in cui si trova la nostra associazione. Abbiamo cercato di mantenere la programmazione durante la pandemia, convinti che in un momento di crisi fosse importante per l’arte, restare vicino al pubblico.
Il prezzo, degli anni pandemici è stato molto alto, questa ripartenza dalle “periferie” è incoraggiante e ci fa sperare in uno stabile ritorno “normalità”.

La stagione autunnale come da tradizione è fortemente caratterizzata dagli appuntamenti della musica di Voci Audaci con la direzione artistica di Oskar Boldre e Patricia Barbetti, che quest’anno dà largo spazio alla voce al femminile. Sono 8 concerti e a complemento sono proposti una mostra e un film.

Musica, voci audaci

Apriamo domenica 25 settembre (ore 16.00) alla Chiesa di Michele ad Ascona, con il concerto Vision di The telling, straordinario trio di cantanti e musiciste del Regno Unito, specializzate nella musica medioevale e in particolare nelle composizioni della badessa e teologa tedesca Hildergard Von Bingen, che fu anche raffinata scrittrice e compositrice. Affianca l’evento la mostra Hildegard von Bingen, una Santa per i nostri tempi presso il Museo d’arte sacra San Sebastiano di Ascona, nel pomeriggio sarà presente il curatore M. Zogg. Entrata libera a concerto e mostra (aperta fino al 22 ottobre). In collaborazione con la Parrocchia di Ascona.

Ancora tutto al femminile è il secondo appuntamento al Teatro Oratorio di Minusio il 21 ottobre (ore 20.30), con il quartetto svedese Åkervinda, che propone un repertorio di musica folk, dando nuova vita alle melodie popolari scandinave nelle loro interpretazioni originali con un tocco contemporaneo. Il concerto è preceduto alle 18.00 dal documentario The sound of the voice di Bernard Weber, entrata libera. Evento in collaborazione con Locarno Folk.

A fine ottobre (29 e 30, ore 15.30-18.30) tornano gli attesi pomeriggi alla Chiesa del Cimitero di Locarno della minirassegna ad offerta libera, Incanta l’attimo: 6 concerti in un’atmosfera quasi mistica, che spaziano fra diversi generi sia vocale che strumentale. Il 4 novembre (ore 20.30) siamo in Vallemaggia all’Eco Hotel Cristallina di Coglio con Three spirits, la cui musica si muove su tutta la scala dal classico al jazz contemporaneo fino alla world music. Entrata libera. In collaborazione con Autunno Jazz.

Teatro per tutti, la donna crea

Gli appuntamenti di teatro fanno parte della rassegna “La donna crea” dedicata alla creatività delle donne, con la direzione artistica di Santuzza Oberholzer. Ancora un’attenzione alle periferie con lo spettacolo Il bosco in valigia del Teatro dei Fauni nella Piazza Mercato di Mergoscia l’8 ottobre (ore 14.00), offerta libera. Anima le storie la donna in verde che è alla ricerca del suo bosco, e dalla sua valigia appaiono personaggi e sogni. All’Oratorio di Tenero il 23 ottobre (ore 17.00) Black Aida, una fiaba africana è una rilettura dell’opera verdiana in chiave Griot, della compagnia ATGTP. In scena una soprano con attori e musicisti del Burkina Faso; le arie sono interpretate dagli strumenti di musica etnica africana, intrecciati al canto lirico, in un rito collettivo che celebra la bellezza del teatro e della musica. Entrata libera. La stagione si conclude alla Sala Congressi di Muralto il 20 novembre (ore 17.00) con Non ti vedo non mi vedi di Faber Teater. Due animali molto diversi, in una notte di tempesta cercano rifugio in una grotta, dove senza potersi vedere imparano a conoscersi e a condividere i loro mondi.

Altre proposte

Ogni primo sabato del mese (ore 18-20) all’Atelier Teatro dei Fauni a Locarno, c’è Palco Tuffo, presentazioni brevi, ricerche artistiche di danza, circo, musica, teatro, teatro di figura. Un progetto di incontro informale tra artisti e pubblico del Teatro dei Fauni coordinato da Karin Rose, offerta libera. Info karin7.rose@gmail.com

A partire da giovedì 29 settembre fino a dicembre (ore 17-18.30), nello stesso spazio, Lianca Pandolfini del Teatro Zigoia propone il Laboratorio di teatro ragazzi “Briganti in scena” dagli 8 anni. Info: info@teatrozigoia.org

cs

Commenti

Ti potrebbero interessare anche: