Eventi e Turismo | 28 settembre 2021, 19:30

La Fondazione Fossano Musica ospiterà "Ballerine di carta" di Matteo Fieno

La mostra, simbolo di un successo raggiunto dopo un periodo di sacrificio, proprio come tutti noi in questo particolare periodo, sarà esposta presso il Palazzo Burgos dal 2 al 17 ottobre

La Fondazione Fossano Musica ospiterà "Ballerine di carta" di Matteo Fieno

In occasione della fine dei lavori di ristrutturazione del prestigioso conservatorio di Fossano, la Fondazione Fossano Musica ospiterà, dal 2 al 17 ottobre, una personale dell’artista Matteo Fieno, conosciuto come "L’artista delle donne", per la sua particolare attenzione al mondo femminile.

La mostra, intitolata "Le ballerine di carta", prevede l’esposizione di nove opere su carta realizzate con tecnica mista tra il 2018 ed il 2020.

Il tema delle ballerine è molto caro all’artista, che declina le sue danzatrici ora in versione rock, ora in versione classica, con una maniera artistica riconducibile ai grandi maestri dell’arte moderna, ma dalla poetica fortemente contemporanea.

I nove disegni che compongono la mostra, sono un inno alla sensualità ed all’eleganza, resa maggiormente preziosa dallo sprigionarsi nel compiere azioni quotidiane; l’estrema semplicità dei gesti narrati, spingono lo spettatore ad immedesimarsi ed a voler conoscere le storie delle ballerine che dialogano fra loro in un percorso  corale che le porta sulla strada della maturità e della conoscenza di sé, non senza i relativi timori che questo comporta.

A volere ardentemente le eleganti opere di Matteo Fieno, esposte per un’occasione così importante, sono state la curatrice dell’esposizione Sofia Sarotto, giovane e talentuosa storica dell’arte fossanese, che tra le tante esperienze lavorative, vanta anche una collaborazione con la prestigiosa casa d’aste londinese Sotheby’s e con la Galleria Rizzo a Venezia, e Patrizia Massocco, architetto responsabile della ristrutturazione del conservatorio.

La Fondazione Fossano Musica nasce nel 1976, proponendo fin da subito attività di formazione musicale, sia a livello nazionale che internazionale, riscuotendo un meritato successo tra la popolazione, tanto da essere fin da subito riconosciuta come un’istituzione. Nel corso degli anni, la Fondazione Fossano Musica ha ospitato nelle sue elegantissime sale arredate in stile neoclassico, eventi, concerti, esposizioni.

Per questo periodo di rinascita -non solo della sede storica del Conservatorio, ma anche della gente in questa era post pandemica- ha scelto proprio l’artista langarolo per diffondere un messaggio di eleganza, bellezza, speranza e riscatto, attraverso le sue eleganti ballerine, figure iconograficamente associate al successo raggiunto dopo un periodo di sacrificio ed abnegazione, proprio come tutti noi in questo particolare periodo storico.

Le ballerine di carta , apprezzabili dal 2 al 17 ottobre nella prima esposizione personale dell’artista Fieno, dedicata esclusivamente ad opere su carta, saranno dunque esposte presso il prestigioso Palazzo Burgos, sede storica della Fondazione Fossano Musica, il cui restauro è iniziato nel 2018. La bellezza dell’iniziativa artistico-culturale promossa dal comune di Fossano, merita una visita: in un palazzo Settecentesco, provvisto di affreschi realizzati con tecnica di Trompe l’oeil, sede del quartier generale della produzione e dell’insegnamento della musica, vengono ospitate nove opere su carta di un giovane artista contemporaneo dal tocco moderno e post-impressionistico.

Matteo Fieno, affacciatosi al mondo dell’arte in modo professionale solo dal 2018, vanta già numerose esposizioni e riconoscimenti: dopo l’esposizione dei suoi primi quadri alla Biennale di Milano, presentata e curata da Vittorio Sgarbi, ha tenuto una personale sempre nella città meneghina nel novembre 2019 presso la prestigiosa galleria Milano Art Gallery, seguita da una formale presentazione alla stampa nel 2020, con la mostra "Quel pazzo 2020 declinato al femminile" (poi ospitata nello spazio espositivo This is not Torino), e nel 2021 la mostra bolognese "Le ragazze di Madame Odette".


Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche: