Politica | 07 aprile 2021, 10:23

Bordighera: promozione turistica, approvato il progetto di cartelli informativi con audioguida a risposta rapida

Sarà sufficiente inquadrare con lo smartphone il QR code presente sui pannelli per poter ascoltare e conoscere (in italiano o in inglese) storia, caratteristiche e curiosità di alcuni tra i tesori più significativi.

Bordighera: promozione turistica, approvato il progetto di cartelli informativi con audioguida a risposta rapida

Non si ferma l’impegno dell’Amministrazione di Bordighera per la promozione ed il sostegno dello sviluppo turistico e culturale del territorio. Nella seduta dello scorso 29 marzo la Giunta ha infatti approvato il progetto di realizzazione di cartelli informativi con audioguida a risposta rapida: sarà sufficiente inquadrare con lo smartphone il QR code presente sui pannelli per poter ascoltare e conoscere (in italiano o in inglese) storia, caratteristiche e curiosità di alcuni tra i tesori più significativi.

“Dotare la città di uno strumento attuale ed immediato di promozione ed accoglienza - commentano il Sindaco Ingenito ed il Vicesindaco Bozzarelli - ed offrire ai visitatori una guida moderna, pratica e fruibile con grande semplicità: ecco gli obiettivi alla base questa iniziativa, che sarà concretizzata per l’inizio della stagione di maggior rilevanza turistica. E’ un altro tassello che si aggiunge a quanto abbiamo già realizzato o su cui stiamo lavorando per valorizzare Bordighera - la cartellonistica a Montenero, ad esempio, e poi la nuova mappa cittadina, quelle dei sentieri di biking ed hiking, i depliant dedicati a ville e giardini storici, i video: supporti fondamentali che però mancavano".

Dieci i luoghi nella cui prossimità saranno installati i cartelli informativi; si tratta di Villa Regina Margherita, del Museo Clarence Bicknell, di Villa Garnier, di Villa Pompeo Mariani, di Sant’Ampelio, del vecchio acquedotto del Beodo, del centro storico, di Palazzo Garnier, del Giardino Esotico Pallanca, della Chiesa Anglicana e del Circolo del Tennis. La spesa, che ammonta a circa 3.500 euro, è stata finanziata con i proventi della tassa di soggiorno, che si conferma risorsa fondamentale.​

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: