Eventi e Turismo | 15 settembre 2020, 14:25

"Nel vivo che c'è, restare e restituire", a Boves arriva l'installazione artistica di Elisa Dani

Sarà visitabile dal 14 al 20 settembre dal lunedì al venerdì dalle ore 18.30 alle ore 22. Il sabato mattina dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 18.30 alle 22. La domenica dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 18 alle ore 22

"Nel vivo che c'è, restare e restituire", a Boves arriva l'installazione artistica di Elisa Dani

Dal 14 al 20 settembre a Boves, in piazza Italia, sarà visitabile una installazione artistica. E’ la fase finale di un progetto iniziato nel lockdown.

Durante i mesi di marzo/aprile/maggio 2020 nel periodo di sospensione di tutte le attività culturali ed artistiche dal vivo, con gli allievi delle Palestre di Teatro di Boves, è nata l’idea di proseguire il lavoro a distanza anche attraverso una pagina Facebook e di coinvolgere la comunità, per mantenere vivo il rapporto con il pubblico.

Si sarebbe dovuto restituire al pubblico, nel mese di maggio, il frutto del lavoro dei mesi invernali attraverso la presentazione dello studio su Turandot. Questo non è stato possibile, avverrà si spera nella primavera prossima. Il progetto di lavoro delle Palestre ha subìto quindi una modifica: si è deciso di utilizzare la scrittura come palestra di ricerca circa il tema del Restare a Casa.

Gli allievi hanno declinato il verbo Restare in 50 modi diversi, un divertissment esistenziale, coniugando le possibilità offerte dallo scrivere, con i propri mondi emotivi personali ed unici. Ne sono scaturiti così 23 elenchi, come fossero quasi dei Comandamenti, corredati, ognuno, da foto in bianco e nero ritraenti ogni corpo (non i volti) in uno spazio consentito dal lockdown. Questo piccolo progetto è stato esteso al pubblico, consentendo la raccolta di circa 50 elenchi complessivi, per un totale di 2500 Restare. Restare nei sollievi, Restare a contemplare, Restare col libro aperto, Restare nel pallore, Restare nel forse, Restarci senza affanno, Restare a nominare la paura, eccetera.

Ora il desiderio è quello di restituire alla comunità quel materiale.

L’Associazione Sentieri di Pace, ha deciso di farsi promotrice ed organizzatrice del’evento che ha coinvolto più di una cinquantina di persone volontarie nelle sue fasi di ideazione e realizzazione. Con l’intento di promuovere, anche in questo difficile periodo storico, modi nuovi di approccio con la comunità sui temi della convivenza civile.

Dal 14 al 20 settembre 2020 L’Associazione Sentieri di Pace, in collaborazione con le Palestre di Teatro presenteranno una video installazione in Piazza Italia 58, “ex ufficio Vigili, a fianco del Bar Roma”.

L’installazione è di Elisa Dani, grafica ed allestimento di Francesca Reinero, con il Patrocinio del Comune di Boves, Assessorato alla Cultura. L’iniziativa è resa possibile grazie al contributo del CSV, Centro Servizi per il Volontariato di Cuneo, e della Cassa Rurale ed Artigiana di Boves.

Si ringrazia in modo speciale Il Comune e l’Assessore alla Cultura Raffaella Giordano, per la condivisone del progetto, la sua disponibilità ed il suo entusiasmo nell’aver accolto fin da subito la proposta e nell’essersi impegnata per renderla fattibile.

Chi volesse partecipare all’evento dovrà prenotare telefonando al numero 3347334805.

Si potrà accedere alla video installazione in due persone a volta. Gli orari di ingresso sono: dal lunedì al venerdì dalle ore 18.30 alle ore 22. Il sabato mattina dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 18.30 alle 22. La domenica dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 18.30 alle ore 22.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche: