Cronaca | 26 giugno 2020, 19:30

Falsi addetti di luce e gas tentano truffe ad anziani: nuovi episodi nell’Albese

Il Gruppo Egea mette in guardia da possibili raggiri: "Nostri operatori ben riconoscibili da tesserino e mezzi aziendali. Visite al domicilio dei clienti organizzate unicamente su prenotazione"

Falsi addetti di luce e gas tentano truffe ad anziani: nuovi episodi nell’Albese

Spacciandosi per addetti incaricati dalla nota multiservizi albese, puntano a carpire la fiducia di ignari cittadini, quasi sempre anziani, con intenti evidentemente truffaldini.

E’ quando segnala il Gruppo Egea di Alba, facendo sapere come "in questi giorni alcuni nostri clienti hanno ricevuto visita presso la loro casa da parte di soggetti che, spacciandosi per operatori appartenenti al nostro gruppo, si introducono nelle abitazioni".

L’ultimo caso si è verificato ad Alba nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 26 giugno, in pieno centro storico. "Un individuo dall’aspetto serio e professionale – rende noto l’azienda – si è presentato alla porta di un’anziana signora per poi entrare nell’appartamento con la scusa di proporre un contratto luce e gas di Egea a un prezzo conveniente. Grazie all’intervento della figlia, presente casualmente presso l’abitazione e alle sue pressanti domande, il soggetto in questione si è allontanato. Un secondo soggetto si è però presentato presso la stessa abitazione nel tardo pomeriggio, anche questa volta spacciandosi come operatore Egea ma trovando l’anziana signora pronta a respingerlo".

Egea ricorda che i suoi operatori si presentano al domicilio della clientela unicamente dietro prenotazione, muniti di specifico tesserino di ed esclusivamente a bordo di mezzi aziendali ben riconoscibili dai contrassegni aziendali.

"Lo stile Egea – rimarca l’azienda – si basa sulla piena riconoscibilità e rintracciabilità attraverso il call center (0173/441155, che risponde direttamente dalla sede centrale di Alba. Soprattutto ci distinguiamo per il rapporto personale e di piena fiducia che instauriamo con i nostri interlocutori. Invitiamo pertanto a segnalare a noi e alle autorità competenti eventuali casi di questo tipo".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: