Cronaca | 14 gennaio 2020, 08:48

Prestavano denaro a tassi del 300%: la Gdf arresta due usurai

Il blitz questa mattina a Caluso: si tratta di un disoccupato e della sua convivente, operatrice in una casa di riposo di Brandizzo

Prestavano denaro a tassi del 300%: la Gdf arresta due usurai

Pensionati che non erano in grado di arrivare a fine mese e pagare l'affitto, oppure imprenditori di piccole realtà produttive in difficoltà, fino a semplici persone alle prese con problemi economici. Erano queste le vittime della coppia di usurai che gli uomini della Guardia di Finanza hanno arrestato a Caluso, dopo aver scoperto che prestavano denaro a tassi del 300%. Si tratta di un disoccupato e di una donna che lavora come operatrice presso una casa di riposo di Brandizzo. 

A destare i primi sospetti, già un paio di anni fa, alcuni movimenti bancari finiti nel mirino dell'antiriciclaggio. Da lì, con un'operazione di indagine dettagliata, i militari sono stati in grado di ricostruire l'intera rete di "clienti" dei due usurai, quasi tutte persone residenti nel Canavese e in condizioni di difficoltà. Un territorio d'azione piuttosto ampio, che spaziava da Chivasso a Borgaro Torinese, da Verolengo a Vinovo, da Rondissone a Val della Torre o Mazzé.

Spesso, i prestiti erano di poche migliaia di euro, ma subito scattavano come tagliole gli interessi che trasformavano la preoccupazione in un vero incubo. Gli scambi di denaro avveniva direttamente a casa delle vittime, oppure nei loro negozi, ma in alcuni casi anche al casello dell'autostrada Torino-Milano.

L'uomo è stato portato in carcere, mentre alla donna è stato imposto il divieto di avvicinare le vittime. E' scattato il sequestro di numerosi beni, tra cui conti correnti per oltre 300mila euro e anche cinque immobili, tra Caluso e Carini, in provincia di Palermo. Le indagini proseguono per valutare le posizioni di alcuni complici.

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche: