Eventi e Turismo | 23 agosto 2019, 14:15

Cuneo festeggia i 700 anni dell’Ospedale Santa Croce con una nuova edizione della camminata “Passi in Salute”

Cuneo festeggia i 700 anni dell’Ospedale Santa Croce con una nuova edizione della camminata “Passi in Salute”

Prenderà il via domenica 8 settembre alle ore 9,30 con partenza dall’ingresso dell’Ospedale Santa Croce in via Bassignano la terza edizione di “Passi in salute”, la camminata non competitiva di circa 8 chilometri, che si snoderà in un percorso tra l’ospedale Santa Croce e il Carle (andata e ritorno).

Tre gli obiettivi fondamentali che si prefigge l’evento: creare aggregazione tra personale sanitario e cittadini, migliorare la salute facendo sport e soprattutto raccogliere fondi per finanziare l’attività del “Trauma Center” dell’ospedale.  
 
L’iniziativa è organizzata dal S. Croce, in collaborazione con la Podistica Valle Grana e con il patrocinio del Comune di Cuneo e della Commissione regionale Pari Opportunità Uomo Donna.  

Novità di quest’anno un percorso dedicato a chi ha difficoltà motorie. "Abbiamo previsto – afferma Andrea Gallone, dipendente diversamente abile del Santa Croce e vicepresidente della Granda Waterpolo Ability, società sportiva di pallanuoto formata da atleti con disabilità - un percorso speciale di due chilometri che potrà essere effettuato da chiunque abbia una disabilità fisica, in quanto non prevede ostacoli di alcun genere e che si snoderà interamente su Cuneo centro".

"L’evento, che rientra tra quelli organizzati per celebrare i 700 anni del nostro ospedale, ci permetterà di stare insieme, medici infermieri e altri operatori sanitari, ma anche utenti e associazioni di volontariato, per rafforzare ancora di più il senso di appartenenza del territorio col proprio ospedale afferma il direttore sanitario d’azienda Monica Rebora. Festeggiando la nascita del Santa Croce ci siamo accorti come vi sia un forte legame tra l’ospedale e i cittadini cuneesi, e come questo si rafforzi grazie alla conoscenza reciproca e alla condivisione".

Altri appuntamenti previsti per festeggiare i 700 anni saranno la partita di calcio a ingresso gratuito tra dipendenti del Santa Croce e le glorie del Torino Football Club, che si terrà martedì 10 settembre alle ore 17.30 presso lo Stadio "Fratelli Paschiero" di Cuneo , e la mostra celebrativa “I luoghi e le cure: 700 anni dell’Ospedale di Santa Croce in Cuneo”, che verrà inaugurata il 12 settembre e sarà visibile fino al 27 ottobre presso Palazzo Santa Croce.

"Riteniamo importante promuovere queste iniziative – continua Rebora - perché ci consentono da un lato di ricordare i molteplici benefattori che hanno reso grande il nosocomio cuneese e dall’altro rimarcare e rafforzare il senso di appartenenza dell’ospedale alla comunità cuneese".  

Maura Anfossi è responsabile del servizio di Psicologia dell’azienda ospedaliera S. Croce e Carle e del Trauma Center: “In questi anni il Trauma Center Psicologico ha offerto sostegno a centinaia di persone vittime di traumi di varia natura (gravi incidenti d’auto, violenze, lutti traumatici) e abbiamo dato supporto alle vittime dell’attentato terroristico di Nizza, di Barcellona, a persone coinvolte nel terremoto delle Marche (che risiedono nella nostra zona) e a un cospicuo gruppo di giovani presenti a Torino in piazza San Carlo durante la proiezione della partita Juve-Real Madrid. Abbiamo aiutato alcuni gruppi sportivi in occasione di incidenti montagna, collaboriamo con il Soccorso Alpino e accompagniamo regolarmente bambini e adolescenti per le visite protette presso il reparto di rianimazione. Ci occupiamo dei familiari in occasione di lutti traumatici come il suicidio o l’omicidio. Da quest’anno inoltre è stato attivato un protocollo con la Procura di Cuneo per fornire supporto psicologico durante interrogatori di soggetti fragili. Il nostro sogno è quello di mantenere vivo il Trauma Center dell’ospedale di Cuneo perché continui ad essere un luogo in cui chi si trova a vivere un evento altamente stressante possa ricevere un primo aiuto tempestivo e altamente qualificato. Per questo abbiamo bisogno di raccoglier fondi che ci consentano di proseguire l’attività fin qui intrapresa".  

Quest’anno il costo dei pettorali è stato aumentato di 1 euro in relazione alle tante richieste di aiuto ricevute lo scorso anno. Il contributo servirà a sostenere la qualità del servizio offerto dal Trauma Center, permettendone una fruizione completa a chi ne abbia la necessità al di là della territorialità dell’intervento.

I pettorali (costo 6 euro, 5 per i dipendenti Asl e S. Croce e 4 per i bambini 0-12 anni) saranno in vendita da lunedì 26 agosto presso il Cral del S. Croce, il settimanale "La Guida", Stella Maris e il Podio Sport.

Ti potrebbero interessare anche: