Politica | 08 aprile 2021, 18:36

L'Inail finanzia la costruzione di otto nuovi ospedali in Piemonte, botta e risposta tra Icardi e le opposizioni

L'assessore alla Sanità soddisfatto, ma Gallo e Rossi (Pd) replicano: "Ricordiamo all'assessore che l'inserimento nell'elenco Inail non corrisponde a un finaziamento"

L'Inail finanzia la costruzione di otto nuovi ospedali in Piemonte, botta e risposta tra Icardi e le opposizioni

Sei nuovi ospedali, più la conferma per due ospedali già in programma, per un investimento complessivo di 1 miliardo e 642 milioni di euro. Il nuovo Dpcm sugli investimenti dell’Inail accoglie tutte le richieste della Regione Piemonte nell'ambito dell’edilizia sanitaria sul territorio regionale.

Nello specifico, vengono confermati i 202 milioni di euro per la costruzione in toto del nuovo ospedale dell’Asl To5 e i 155 milioni per quello dell’Asl Vco.

Compaiono invece per la prima volta nei piani di investimento immobiliare dell’Inail i nuovi ospedali dell’Asl Città di Torino (185 milioni), dell’Asl To 4 (ambito eporediese, 140 milioni), dell’Asl Vc (Sant’Andrea di Vercelli, 155 milioni), dell’Asl Cn1 (ambito saviglianese, 195 milioni), dell’Azienda Ospedaliera Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria (300 milioni) e dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo (310 milioni).

Anche in tutti questi casi, la realizzazione delle opere sarà a totale carico dell’Inail, fermo restando che a questi progetti si aggiungeranno quelli finanziati dal Fondo sanitario nazionale, sui quali si sta contestualmente lavorando.

"E’ il risultato di quasi due anni di intenso lavoro con i vertici dell’Inail e del Ministero – commenta l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi - gli investimenti dell’Istituto avvalorano la bontà del nostro piano di edilizia sanitaria e ci consentiranno di procedere con celerità nella realizzazione di nuovi ospedali che sono di vitale importanza per la Sanità piemontese. Abbiamo bisogno di strutture nuove, tecnologiche e con spazi adeguati, capaci di rispondere alle esigenze emergenti. Il patrimonio immobiliare della Sanità è tra i più vetusti d’Italia, c’è l’assoluta necessità di riportarlo al passo con i tempi. Questi nuovi cantieri, insieme a quelli del Parco della Salute di Torino e del Parco della Salute di Novara di imminente apertura, rappresentano il più consistente investimento di edilizia sanitaria mai effettuato in Piemonte".

"L’Assessore Icardi commenta che non ci sono mai stati così tanti cantieri per la sanità piemontese. Vogliamo innanzitutto precisare che ogni nuovo ospedale è benvenuto sul nostro territorio, tuttavia è importante che non si creino false aspettative nei cittadini ai quali si deve spiegare che il nuovo Dpcm sugli investimenti dell’Inail aggiorna i progetti, ma non costituisce finanziamento per gli stessi” spiegano il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo e il Vicepresidente della Commissione Sanità Domenico Rossi.

L’inserimento nell’elenco Inail è un passo in avanti, ma non corrisponde affatto a un cantiere, come dimostra il fatto che non sono ancora partiti quelli dei due ospedali (TO5 e VCO) già presenti nel precedente elenco. Su questi l'Assessore dovrebbe mettersi al lavoro per velocizzare i tempi, invece di rincorrere nuovi annunci. Ricordiamo inoltre all’Assessore Icardi che la programmazione in materia di edilizia sanitaria compete al Consiglio Regionale e chiederemo con urgenza al Presidente della Commissione Sanità di calendarizzare una serie di sedute di Commissione affinché si proceda all'aggiornamento del piano di edilizia sanitaria regionale a partire dai bisogni reali dei cittadini” concludono i due esponenti dem.

"La Regione Piemonte accoglie la linea 5 Stelle e ottiene la proposta di finanziamento di ulteriori 6 ospedali piemontesi con i fondi INAIL. Ora occorre lavorare per presentare progetti coerenti e finanziariamente sostenibili", sottolinenano Sean Sacco e Sarah Disabato del M5S.

"Arrivati a questo punto, inoltre, chiediamo alla Giunta Cirio di lavorare per un serio progetto di riorganizzazione della rete ospedaliera in sinergia con quella del territorio. In questo modo si potranno utilizzare al meglio le risorse del prossimo piano nazionale di ripresa e resilienza che vanno proprio nella direzione di piccoli progetti di potenziamento dei servizi a livello territoriale".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche: