Politica | 17 ottobre 2020, 18:48

Finale cancella le manifestazioni, "Le Persone al Centro": "Decisione localistica e decontestualizzata"

La minoranza chiede poi parità di trattamento per tutte le associazioni: "Dal Covid dobbiamo sicuramente uscirne tutti insieme, come una comunità"

Finale cancella le manifestazioni, "Le Persone al Centro": "Decisione localistica e decontestualizzata"

"E’ notizia del 16 ottobre la decisione dell’amministrazione Frascherelli di procedere ad uno stop temporaneo per le manifestazioni e gli eventi. In un comune come Finale Ligure gli eventi hanno varie funzioni e probabilmente avremmo preso decisioni differenti. Non è, comunque, nostra intenzione polemizzare su una scelta difficile ma precisare i due aspetti che al momento riteniamo più importanti". 

Comincia così il comunicato del gruppo "Le Persone al Centro" che commenta la decisione annunciata ieri dall'amministrazione comunale di cancellare le prossime manifestazioni ed eventi in attesa dell'evolversi della situazione pandemica. 

"Da una parte - affermano dalla minoranza - risulta evidente come tale scelta sia esclusivamente localistica e decontestualizzata. Sarebbe stata auspicabile una concertazione su base almeno provinciale che avrebbe reso più coeso il territorio e potenziato gli effetti delle decisioni prese".

"Tale bizzarria è evidente nella sospensione di un evento di respiro provinciale come la Run Riviera Run, saltata perché uno, forse due comuni hanno cambiato parere" puntualizzano. 

"L’altro aspetto - proseguono dai banchi dell'opposizione - è la scelta fatta ad inizio anno di non procedere al bando 2020 dei contributi ordinari per le associazioni che lavorano nel settore di promozione turistico-sociale. Tale decisione, per certi aspetti condivisibile in un anno covid, ha però indebolito le associazioni finalesi, la loro capacità di 'fare squadra' e generato una estemporanea richiesta di contributi straordinari per l’anno 2020".

"Ancora il 13 ottobre, infatti, tre giorni prima della sospensione annunciata il 16, l’amministrazione approvava 11.000 euro di contributi straordinari a favore di due associazioni, poi passati sotto le determine 796 e 797" aggiungono "Le Persone al Centro".

"Siamo lieti che ad alcuni gruppi sia data l’opportunità di proseguire nella loro attività ma auspichiamo che l’iniziativa sia estesa a tutti, con regole condivise che nel 2021 solo un bando pubblico può garantire. Perché dal covid dobbiamo sicuramente uscirne… ma tutti insieme, come una comunità!" concludono gli esponenti guidati da Massimo Gualberti in consiglio comunale.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche: