Cronaca | 26 giugno 2020, 15:13

Si trasferiscono da Cuneo a Caraglio, ma portano via anche la lavatrice della padrona di casa: denunciati dalla polizia due 20enni

Si tratta solo di uno degli interventi, con denuncia, realizzati dalla Questura di Cuneo nel corso degli ultimi giorni; la segnalazione è arrivata dalla stessa padrona di casa, che si è vista sparire una lavatrice del valore di circa 400 euro

Si trasferiscono da Cuneo a Caraglio, ma portano via anche la lavatrice della padrona di casa: denunciati dalla polizia due 20enni

Guida in stato di ebbrezza e appropriazione indebita: sono questi i capi delle denunce comminate dalla Questura di Cuneo negli ultimi giorni, rispettivamente ai danni di un giovane di Mondovì e di due fratelli di origine albanese del capoluogo.

Il primo - S.S., classe 1997 - è stato pizzicato in un controllo lungo corso Nizza poco dopo le 2 di giovedì 25 giugno, in macchina assieme ad altri quattro amici tutti positivi al "precursore" (che ne ha accertato il consumo di alcol); il suo tasso alcolemico (1.5) ne ha decretato non solo la denuncia ma anche il ritiro della patente e il sequestro del mezzo.

I due fratelli - K.T. e F.T., entrambi del 2000 - sono stati invece denunciati per appropriazione indebita dopo che una signora cuneese ha denunciato la sparizione da un proprio appartamento (a loro affittato) di alcuni oggetti di sua proprietà e soprattutto di una lavatrice del valore di circa 400 euro; i due giovani sono stati rintracciati a Caraglio, in affitto in un altro locale. La polizia è attualmente impegnata nel rinvenire la lavatrice perduta.

Alcuni controlli notturni sono stati infine effettuati, negli ultimi giorni, nella zona di via Felice Cavallotti tra il bar "Sillano" e  la pizzeria "Pizza Flash", dove alcuni residenti hanno denunciato rumori molesti in orari non consoni. Responsabili alcuni avventori minorenni dei locali - al momento dell'intervento delle pattuglie chiusi - , che secondo il questore Emanuele Ricifari si sono dimostrati "poco intelligenti negli atteggiamenti con i residenti e con le forze dell'ordine intervenute": "La situazione è sotto controllo, e se dovessimo incontrare di nuovo i giovani procederemo con il portarli per qualche ora in caserma e con la segnalazione ai genitori".

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche: