Politica | 26 marzo 2020, 16:31

Coronavirus Salizzoni e Boeti (Pd): "L'intramoenia? Limitiamola a casi indifferibili"

"Crediamo che chi è alle dipendenze della sanità pubblica ora debba sospendere l’attività privata: il nostro è un appello al senso di responsabilità di tutti, limitandosi a considerare solo quelle situazioni realmente urgenti e non procrastinabili"

Coronavirus Salizzoni e Boeti (Pd): "L'intramoenia? Limitiamola a casi indifferibili"

“In queste drammatiche settimane che stanno mettendo a dura prova il sistema sanitario regionale, crediamo non opportuno per i medici del Ssn di proseguire l’attività intramoenia. Non solo questa comporta una sottrazione di risorse umane ai nostri ospedali (medici e infermieri) ma comporta il rischio di favorire la diffusione del contagio”: lo dichiarano Mauro SALIZZONI, vice Presidente del Consiglio regionale del Piemonte, e Nino BOETI, coordinatore del Forum Sanità del Pd piemontese. “L’attività libero professionale intramuraria in Piemonte era stata inizialmente sospesa, poi nuovamente consentita. Questa attività intramoenia, definita ‘allargata’, non si svolge, come ovvio, negli ospedali ma in case di cura private. Crediamo che chi è alle dipendenze della sanità pubblica (non quindi i liberi professionisti ‘puri’) ora debba sospendere l’attività privata: il nostro è un appello al senso di responsabilità di tutti, limitandosi a considerare solo quelle situazioni realmente urgenti e non procrastinabili. Chiediamo all’assessore regionale Luigi Icardi di intervenire su questo tema. Non solo: bisogna pensare anche a quei pazienti, affetti da gravi patologie, che non possono rivolgersi all’intramoenia ma che necessitano di essere visitati e curati. Chiediamo all’Unità regionale di Crisi di valutare se individuare una struttura pubblica che possa funzionare da ambulatorio centralizzato per i medici specialistici ospedalieri, dove indirizzare i casi medici e chirurgici non-Covid19 indifferibili ed urgenti”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche: