Cronaca | 26 marzo 2020, 09:00

Coronavirus, a Torino ancora troppi spostamenti "inutili" in auto. La Municipale: "Più controlli su strade ed ingressi"

Appendino: "Atteggiamento irresponsabile, che va a danneggiare tutte quelle persone che - con pazienza - stanno facendo sacrifici per superare questa emergenza"

Coronavirus, a Torino ancora troppi spostamenti "inutili" in auto. La Municipale: "Più controlli su strade ed ingressi"

Più i controlli della Municipale di Torino sulle strade principali ed ingressi della città, per verificare il rispetto del divieto agli spostamenti – se non in casi lavorativi o di estrema necessità – imposto dal Governo per contrastare il contagio da Coronavirus. Ad annunciare un ulteriore giro di vite è il comandante dei Civich Emiliano Bezzon, in un video con la sindaca Chiara Appendino.

Come ha spiegato la prima cittadina gli agenti effettuano quotidianamente verifiche sul rispetto dei provvedimenti nazionali. Nelle scorse settimane sono stati imposti una serie di misure, sempre più stringenti, contro il contagio: dopo l’apertura al pubblico solo di negozi alimentari, di farmacie -o comunque di beni di prima necessità – sono stati chiusi i parchi, limitata l’attività motoria ai dintorni di casa e contingentanti gli ingressi ai mercati di Torino.

Restrizioni, come spiega Bezzon, che i cittadini sinora stanno rispettando. Tutte tranne quella del divieto degli spostamenti, se non necessari. “Sul fronte della mobilità – ha spiegato il comandante dei vigili – va un po’ meno bene”. “In questi giorni, -ha aggiunto - in seguito alle sollecitazioni del Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica, ci stiamo maggiormente concentrando sul controllo di veicoli, soprattutto sui grandi assi e all’ingresso di Torino”.

C’è ancora troppa gente che utilizza l’auto inutilmente, che si muove con i mezzi in più persone, potendo farlo singolarmente. Su questo i nostri torinesi, si devono impegnare un po’ di più” ha concluso Bezzon.

A fronte – ha aggiunto la sindaca Chiara Appendino - di una stragrande maggioranza di torinesi che rispettano le regole, emerge anche una minoranza che non ha compreso e non rispetta le norme.” “Questo è atteggiamento irresponsabile, che va a danneggiare tutte quelle persone che - con pazienza - stanno facendo sacrifici per superare questa emergenza. I nostri comportamenti sono a tutela, soprattutto, della fascia più fragile della popolazione” ha concluso la prima cittadina.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche: