Eventi e Turismo | 11 settembre 2019, 15:43

Nuovi spazi per eventi culturali a Racconigi: il taglio del nastro con la mostra della pittrice Adriana Giorda

Nuovi spazi per eventi culturali a Racconigi: il taglio del nastro con la mostra della pittrice Adriana Giorda

Sabato 28 settembre a partire dalle ore 17 il Comune di Racconigi inaugura i nuovi spazi dedicati agli eventi culturali - nella propria sede, piazza Carlo Alberto 1, di fronte al Castello Reale - e lo fa con una mostra della pittrice, nata a Racconigi, Adriana Giorda. L’evento rientra nei programmi dell’Associazione Culturale “Carlo Sismonda”, Centro Studi per la valorizzazione degli Artisti della Provincia di Cuneo, presieduta da Mario Abrate, ed è stata voluta dal Sindaco Valerio Oderda per ricordare l’Artista scomparsa a Torino nel gennaio 2018. Dopo l’infanzia racconigese, la Giorda si è formata al Liceo Artistico di Torino, dove ha svolto una buona parte della sua attività.

La mostra è un compendio delle tecniche con cui si è espressa: olio, carboncino, litografia, china/tempera, pastello e acquaforte.

Artista figurativa, che si è sempre ispirata ai grandi dell’Ottocento, attraverso quasi 50 anni di carriera e oltre 40 mostre personali, è rimasta fedele alla sua poetica, che pone al centro il tema della persona, in una riflessione che trae spunto da situazioni in cui la figura umana può essere colta in tutta la sua plasticità, come la danza. Suoi soggetti prediletti sono infatti le ballerine, che ritraeva in ogni posa possibile, nei ruoli più affascinanti del balletto o nei momenti di relax.

Fu anche ritrattista di successo ed ha al suo attivo personaggi del mondo dello spettacolo (Vittorio Gassman, Gigi Proietti, Oriella Dorella, Milly, Gipo Farassino) e della finanza (ultimo l’ex-Presidente del Sanpaolo di Torino, Gianni Zandano, su commissione della Banca Intesa-Sanpaolo stessa).

In altri dipinti e disegni la sua attenzione si concentra sulla natura: paesaggi, in cui spesso compare l’acqua (case lungo il fiume, piante riflesse nel lago) o in cui si muovono bimbi, animali, vecchi; fiori senza tempo, quasi sempre deposti su un vetro che li rispecchia, nature morte mai banali, scenette di vita semplice.

Tra le sue mostre più significative ricordiamo le tre al Circolo degli Artisti di Torino (nel 1974 fu la prima donna ad esporvi), le tre alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino, quelle in numerose gallerie di Torino, Milano, Genova, Aosta, nelle Sale Mostre della Provincia di Cuneo e dei Comuni di Salò, Sirmione e Gargnano (tre ridenti località del Lago di Garda, dove la Giorda visse a lungo e da cui trasse ispirazione), in grandi alberghi e prestigiose magioni nobiliari, come i Castelli della Costa di Cumiana, di Guarene, del Roccolo di Busca, al Casinò di Sanremo e a “Vignale danza”.

Alla pittrice è stata dedicata una monografia, a cura di Angelo Mistrangelo, uscita nello scorso mese di febbraio per i tipi della Silvana Editoriale di Milano e reperibile presso la mostra.

La Mostra è aperta con i seguenti orari:
giovedì ore 10-13

venerdì ore 15-19

sabato e domenica ore 10-13; 15-18

Ti potrebbero interessare anche: