Eventi e Turismo | lunedì 22 ottobre 2018, 19:43

Grande Fiera d’Estate via da Cuneo, manca solo l'ufficialità: “Immaginiamo un altro evento, nuovo e migliore”

Grande Fiera d’Estate via da Cuneo, manca solo l'ufficialità: “Immaginiamo un altro evento, nuovo e migliore”

Come amministrazione abbiamo fatto tutto il possibile: ci siamo spesi per individuare aree potenzialmente utili sia di proprietà pubblica che privata. La ditta, però, ha giustamente (dal suo punto di vista) ragionato come soggetto privato.

È questa l’ammissione che l’assessore cuneese Luca Serale ha portato al consiglio comunale di Cuneo nella prima riunione del consiglio comunale tenutasi questa sera (lunedì 22 ottobre).

Il tema, l’abbandono della città da parte della Grande Fiera d’Estate.

Lo spunto di discussione arriva da due interpellanze - firmate da Massimo Garnero e Manuele Isoardi - incentrate proprio sull’argomento: la perdita di una delle manifestazioni “tradizionali” del nostro capoluogo.

Per l’assessore, chiamato a rispondere alle domande dei due consiglieri, gli sforzi dell’amministrazione si sono sostanziati nel proporre alla ditta incaricata della gestione l’area del palazzetto e alcuni terreni (appunto, sia pubblici che privati), che non hanno però incontrato l’interesse sperato.

Dopo anni due dal passaggio nell’area di piazza d’Armi, quindi, il trasferimento non è ancora ufficiale ma pare cosa molto probabile - ha aggiunto ancora Serale, che ha sostanzialmente concordato con l’intervento del consigliere Ugo Sturlese, che ha chiesto che l’amministrazione sostenga manifestazioni più specifiche in riferimento alle produzioni del territorio - . È necessario prendere atto della cosa, e farne uno spunto per immaginare una manifestazione nuova, capace di promuovere meglio le eccellenze del territorio.”

Ti potrebbero interessare anche: