Politica | giovedì 12 ottobre 2017, 20:24

"Buone notizie, anche se con grave ritardo, per il Parco della Salute"

Saluto con grande soddisfazione l'annuncio che il prossimo anno partiranno i lavori per il Parco della Salute da realizzare a Torino e la Città della Salute a Novara.

Certo, rimane l'amarezza per due opere a lungo attese a Torino e in Piemonte: ci sono voluti otto presidenti del Consiglio e quattro presidenti di Regione perché il progetto, vecchio di quasi vent'anni, uscisse dal limbo delle buone intenzioni per affacciarsi nella realtà. Visto il passato, incrociamo le dita anche per il prossimo futuro. Importante che sia stato confermato il finanziamento pubblico di 238,5 milioni di euro ai quali si aggiungono importanti finanziamenti privati di 525 milioni: a queste somme si aggiungono circa 146 milioni per le tecnologie così da impegnare una massa finanziaria vicina a 1 miliardo di euro.

Una considerazione a latere: l'assessore regionale Saitta ha opportunamente ricordato che il coinvolgimento dei privati consente di velocizzare i tempi di realizzazione dell'opera. Ecco, su questi aspetti le forze politiche dovrebbero riflettere: perché il capitale privato può, per nostra fortuna, muoversi velocemente e quello pubblico si muove invece con il passo della lumaca?

Ti potrebbero interessare anche: