Cronaca | lunedì 17 luglio 2017, 14:08

Ubriaco, si era messo alla guida e aveva avuto un incidente sulla A6: condannato a 9 mesi di arresto

Quando gli agenti della Polstrada erano giunti sul luogo del sinistro avevano trovato l’autovettura, che era andata a finire contro il guardrail ribaltandosi, vuota. Nessuna traccia degli occupanti. Eppure c’erano tracce di sangue ed era ancora forte l’odore di alcol. Questa mattina il tribunale di Cuneo ha giudicato e condannato G.C., cittadino rumeno, a 9 mesi di arresto e 300 euro di ammenda per guida in stato di ebbrezza. Il giudice gli ha revocato anche la patente di guida.

L’incidente era avvenuto alle 6 del mattino del 13 maggio 2015 sull’autostrada Torino-Savona, all’altezza di Caramagna Piemonte. Secondo la ricostruzione, l’imputato si era messo alla guida ubriaco. Con lui c’erano anche un connazionale e un moldavo. Arrivato in Pronto soccorso, G.C. con ferite lievi, aveva raccontato di aver perso il controllo della sua Bmw per un guasto meccanico.

Una versione di comodo. L’imputato non si è neppure degnato di presentarsi nel processo”, secondo il pm Alessandro Borgotallo, che aveva chiesto per lui 14 mesi di arresto.Le conseguenze potevano essere di gran lunga più gravi, dal momento che all’ora dell’incidente era fitto il traffico di persone che si recavano al lavoro”. La vettura inoltre viaggiava senza copertura assicurativa: “I danni sono stati pagati dalla collettività”.

Secondo la difesa invece non sarebbe risultato provato che ci fosse stato proprio G.C. alla guida né che fosse stato il suo stato di ubriachezza a causare il sinistro.

Ti potrebbero interessare anche: